IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Caltaginone chiude Il Messaggero nelle Marche. I Cdr: «Non previsto nello stato di Crisi

Logo Caltagirone editore
Il Messaggero abbandona le Marche per la seconda volta in 25 anni. Dal 6 luglio chiuderà l'unica redazione superstite, quella di Ancona, che dallo scorso anno ha quotidianamente garantito l'uscita delle edizioni di Ancona, di Pesaro e delle Marche.
Chiusura non prevista dal piano dello stato di crisi, sottoscritto da Azienda e Cdr e trasmesso al Ministero del Lavoro. Il Coordinamento dei Cdr del gruppo Caltagirone Editore è contrario a questa ennesima scelta di abbandonare il territorio e di arretrare rispetto al mercato. Una politica dei tagli che da un lato indebolisce la pluralità dell’informazione e dall’altro non rappresenta una risposta adeguata alla crisi del settore. Questa decisione appare in controtendenza rispetto alle scelte di altri gruppi editoriali che investono, anche in nuove tecnologie, per il rilancio del prodotto. Lo dimostra l’accordo siglato in queste ore tra Google e Fieg, la Federazione degli editori da cui invece il gruppo Caltagirone Editore ha voluto uscire. Il Coordinamento dei Cdr esprime forte preoccupazione e si riserva di mettere in atto tutte le iniziative necessarie per difendere la credibilità delle testate e i diritti dei colleghi.
 
Il Coordinamento dei Cdr del gruppo Caltagirone Editore
(Corriere Adriatico, Gazzettino, Leggo, Mattino, Messaggero, Nuovo Quotidiano di Puglia)