IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Clima di pesanti intimidazioni al Gazzettino

La Fnsi, il Sindacato giornalisti del Veneto, il Comitato di redazione de "Il Gazzettino" contestano la sanzione disciplinare inflitta da Il Gazzettino Spa alla collega e vicesegretaria regionale, Monica Andolfatto, per comportamenti perfettamente legittimi, tanto più che la sanzione è stata inflitta senza che le sia stato consentito un confronto con l’azienda nel merito delle questioni.
La "colpa" della collega sarebbe stata quella di aver inviato dal suo computer un’email della redazione in segno di solidarietà all’Agenzia fotografica che dopo anni di servizio, alla vigilia di Natale, vedeva rescisso il suo rapporto di collaborazione. La presa di posizione, va ribadito, era nata da un confronto interno della redazione e in quanto tale sottoscritta da tutti i giornalisti della medesima redazione. Per questa ragione, oltre che ingiusto, il provvedimento adottato a danno di Monica Andolfatto presenta profili discriminatori. L’iniziativa, inoltre, appare diretta a impedire e limitare la libera espressione dei giornalisti. Un tentativo di intimidazione che respingiamo. Non entriamo qui ulteriormente nel merito della vertenza, ma di certo siamo di fronte ad un uso che riteniamo distorto del potere disciplinare: il quale, così, assume le caratteristiche di uno sterile strumento punitivo, estraneo alle ragioni e finalità per le quali la legge ed il contratto lo assegna al datore di lavoro. La forzatura è evidentemente volta, oltre che a colpire la collega, a ricreare al Gazzettino un clima di tensione e scontro. Lo riteniamo un gravissimo errore.