IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Legge bavaglio sulla diffamazione, parte da Venezia la mobilitazione di FNSI e Articolo 21

Lorusso_Zennaro_Giulietti
Parte da Venezia la mobilitazione della FNSI, il Sindacato giornalisti italiani, e dell'associazione Articolo 21 contro la riforma della legge sulla diffamazione, ribattezzata “legge bavaglio”, al vaglio del Parlamento.

«Sulla diffamazione dobbiamo iniziare una mobilitazione e faremo una grande iniziativa nazionale per cambiare il testo attualmente in discussione – ha annunciato Raffaele Lorusso, Segretario generale della FNSI, durante un dibattito oggi nella sede del Sindacato giornalisti del Veneto – con il pretesto di togliere il carcere per i giornalisti, in realtà la proposta di riforma sulla diffamazione si sta rivelando un modo per limitare la libertà di informazione. Non vediamo segnali di controtendenza nella discussione parlamentare, e c'è il rischio di un blitz in Commissione Giustizia della Camera, con l'approvazione del testo attuale che dobbiamo scongiurare. Abbiamo già chiesto un colloquio con i Presidenti di Camera e Senato per esporre la grande preoccupazione del Sindacato giornalisti».
Parte da Venezia la mobilitazione della FNSI, il Sindacato giornalisti italiani, e dell'associazione Articolo 21 contro la riforma della legge sulla diffamazione, ribattezzata “legge bavaglio”, al vaglio del Parlamento.

«Sulla diffamazione dobbiamo iniziare una mobilitazione e faremo una grande iniziativa nazionale per cambiare il testo attualmente in discussione – ha annunciato Raffaele Lorusso, Segretario generale della FNSI, durante un dibattito oggi nella sede del Sindacato giornalisti del Veneto – con il pretesto di togliere il carcere per i giornalisti, in realtà la proposta di riforma sulla diffamazione si sta rivelando un modo per limitare la libertà di informazione. Non vediamo segnali di controtendenza nella discussione parlamentare, e c'è il rischio di un blitz in Commissione Giustizia della Camera, con l'approvazione del testo attuale che dobbiamo scongiurare. Abbiamo già chiesto un colloquio con i Presidenti di Camera e Senato per esporre la grande preoccupazione del Sindacato giornalisti».

Lorusso, nella sua prima visita in terra veneta da Segretario generale della FNSI dopo la sua elezione al XXVII Congresso nazionale tenutosi a Chianciano Terme, ha partecipato al Direttivo del Sindacato giornalisti del Veneto in cui è stato approfondito il tema della proposta di riforma della legge sulla diffamazione ora in discussione in Parlamento.

A fianco a Lorusso sono intervenuti Giuseppe Giulietti, portavoce dell'associazione Articolo 21, Massimo Zennaro, Segretario del Sindacato giornalisti del Veneto, Gianluca Amadori, Presidente dell'Ordine dei Giornalisti del Veneto, il Presidente dell'Associazione lombarda giornalisti, Paolo Perucchini, e il Presidente dell'Assostampa del Friuli Venezia Giulia, Carlo Muscatello.

Sono soprattutto tre i punti critici individuati: la previsione di ammende pesantissime (fino a 50 mila euro) al posto del carcere per i giornalisti condannati per diffamazione, un assoluto diritto di rettifica per chi si ritiene diffamato che potrà pretendere una rettifica integrale senza possibilità di replica da parte della testata, e il riconoscimento di un assurdo “diritto all'oblio” con la cancellazione delle notizie sgradite da blog e motori di ricerca. Inoltre manca nel testo la tutela dei giornalisti dalle querele temerarie, una pratica che espone i giornalisti e le testate, soprattutto quelle più piccole, al rischio di sborsare cifre enormi per aver pubblicato una notizia sgradita.

«In Commissione sono stati presentati emendamenti migliorativi che propongono il dimezzamento delle multe e il cambiamento delle proposte su rettifiche e diritto all'oblio – ha detto Giuseppe Giulietti – ma altri emendamenti di segno opposto vorrebbero peggiorare ancora la legge, aggiungendovi il bavaglio alla pubblicazione delle intercettazioni. Il rischio è che finisca “pari e patta” con l'approvazione della legge attuale, che riteniamo molto negativa».

È intervenuto anche il Presidente dell'Ordine regionale, Gianluca Amadori: «Sono stati pochissimi, storicamente, i giornalisti italiani finiti in carcere per diffamazione. Cancellare il carcere è un falso problema, il problema vero è quello delle querele temerarie, su cui a parole i politici si dicono d'accordo, salvo poi fare sparire il tema dalla proposta di legge».

L'appello #nodiffamazione, il cui testo è disponibile sul web all'indirizzo www.nodiffamazione.it, ha già raccolto quasi 13mila sostenitori in poco più di un mese.