IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Mattino di Padova e quotidiani Finegil domani non in edicola

ilmattinodipadova
Il Cdr dei quotidiani veneti del Gruppo Finegil: «Gravissime violazioni contrattuali registrate nei giorni scorsi e già denunciate. Una forma palese di lavoro nero oltre che di una clamorosa violazione degli accordi». In sciopero La Nuova Venezia, La Tribuna di Treviso, Il Mattino di Padova e Il Corriere delle Alpi che domani non saranno in edicola.


Il Sindacato giornalisti Veneto è al fianco del Cdr dei quotidiani veneti del Gruppo Finegil, La Nuova Venezia, La Tribuna di Treviso, Il Mattino di Padova e Il Corriere delle Alpi che hanno proclamato una giornata di sciopero per oggi lunedì 29 agosto. Alla base della protesta l'utilizzo di una collaboratrice al di fuori delle regole contrattuali inviata nei luoghi del terremoto per una serie di dirette Facebook. Di seguito il testo del comunicato diffuso.

Il Comitato di redazione dei quotidiani veneti Finegil proclama una giornata di sciopero per lunedì 29 agosto, con astensione dal lavoro di tutti i colleghi impegnati nella redazione del giornale cartaceo e blocco totale, sino alla mezzanotte dello stesso giorno, dell'aggiornamento dell'informazione sui quattro siti dei quotidiani e nei social. Unica deroga sarà concessa ai redattori-web e al caposervizio dello sport che garantiranno, per il solo tempo necessario allo svolgimento, la diretta della presentazione dei calendari di calcio dilettanti regionali, nella sede del "mattino di Padova", impegno già assunto da tempo.
La giornata di sciopero è una decisione sofferta ma inevitabile alla luce delle gravissime violazioni contrattuali registrate nei giorni scorsi e già denunciate dal Cdr con una nota di sabato scorso. Con l'assenso e il coordinamento della direzione, la collaboratrice Alice Ferretti - priva di qualsiasi tutela contrattuale (è infatti assunta part time a Mestre, dal lunedì al mercoledì, ma non potrebbe entrare in produzione a nessun titolo negli altri giorni della settimana, e a precisa richiesta se avesse potuto collaborare negli altri giorni è stato risposto un perentorio no) – tra venerdì e sabato è stata impiegata in una serie di dirette Facebook, andate in onda con gli account della Nuova Venezia, dai luoghi colpiti dal terremoto. Dirette che sono state rilanciate dagli account degli altri giornali e pubblicizzate dal condirettore sul suo account personale.
Per il Cdr si tratta di una forma palese di lavoro nero oltre che di una clamorosa violazione degli accordi presi a giugno a Roma con il Gruppo, secondo i quali nessun collaboratore può utilizzare gli account Facebook dei giornali. Si fa notare inoltre che la collaboratrice si è mossa in luoghi pericolosi senza nessuna copertura assicurativa e senza nessuna forma di tutela e che per lo svolgimento dei servizi ha impiegato mezzi propri. In violazione del contratto che limita la sua produzione a tre giorni, ha inoltre confezionato i servizi usciti ieri sui nostri giornali cartacei.
Nell'evidenziare le gravissime anomalie di questa vicenda, il Cdr vuole sottolineare inoltre alcuni aspetti emersi a margine della stessa.
- Nonostante gli impegni presi ormai tre mesi fa, l'Azienda continua a non fornire alle redazioni gli strumenti per lo svolgimento dei servizi richiesti sul web.
- Una volta di più si deve prendere atto di come la Direzione abbia a cuore sempre e soprattutto il volume di traffico web e tutta l'attività che può moltiplicare i contatti internet con i nostri giornali, mentre analoga attenzione non è ancora stata dedicata alla qualità del prodotto cartaceo che - è bene ricordarlo ancora - è l'unico che produce ricavi.
- L'episodio dei giorni scorsi è solo l'ultimo di una stagione travagliata e contrassegnata dall'uscita di inserti non annunciati o modificati in corsa, da una foliazione spesso imbarazzante e dall'attesa, per ora vana, di una svolta che i nostri giornali attendono da anni.

Il Cdr Finegil