IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Giornalisti minacciati e notizie oscurate. Se ne parla a Venezia l'8 aprile

Unione Cronisti Italiani logo
Sembra sempre capiti altrove, invece capita ovunque, anche qui.“Giornalisti minacciati e notizie oscurate: il triste primato italiano”. È il titolo dell’incontro che si svolgerà a Venezia, venerdì 8 aprile, alle 17.30, all’Ateneo Veneto (campo San Fantin 1897), nell’ambito del ciclo In Punta di Penna, dedicato ai principali temi di attualità e ai protagonisti del mondo dell’informazione, promosso dall’Ordine regionale dei giornalisti del Veneto e dalla Scuola di Giornalismo “Dino Buzzati”, che per l’Ordine si occupa delle iniziative di formazione e aggiornamento professionale.
Nel corso dell’incontro sarà presentato il Rapporto di Ossigeno per l’Informazione e resa nota la lista dei cronisti minacciati in Italia, e verranno descritti i vari metodi con cui l’informazione viene quotidianamente minacciata: dalle pressioni indebite, alla censura realizzata con l’uso della violenza, all’abuso delle querele penali e delle strumentali richieste di risarcimento.

Ossigeno per l’Informazione è l’osservatorio sui giornalisti minacciati e sulle notizie oscurate con la violenza. E’ stato istituito dalla Federazione Nazionale della Stampa e dall’Ordine dei giornalisti per monitorare la situazione italiana e promuovere la conoscenza di un fenomeno drammatico, diffuso non solo nelle regioni a forte radicamento mafioso e che spesso sfugge alla percezione degli stessi giornalisti. Per favorire lo scambio di esperienze con altri paesi, il Rapporto Ossigeno è stato tradotto in inglese, spagnolo e tedesco e presto sarà pubblicato in lingua cinese. L’ultimo Rapporto Ossigeno descrive 78 episodi di minacce e intimidazioni che si sono verificati in Italia nel 2009-2010 e che hanno coinvolto circa 400 giornalisti.

Parteciperanno il direttore di Ossigeno per l’Informazione, Alberto Spampinato, giornalista dell’ANSA e consigliere nazionale della FNSI; la giornalista tedesca Petra Reski, minacciata per avere segnalato le infiltrazioni dell’ndrangheta calabrese in Germania; il giornalista Arnaldo Capezzuto che ha ottenuto a Napoli la condanna dei boss che lo minacciavano; il presidente dell’Unione cronisti del Veneto, Ugo Dinello, e il segretario regionale del Sindacato giornalisti del veneto, Daniele Carlon. Modera Gianluca Amadori, presidente dell’Ordine dei giornalisti del Veneto.

Il ciclo in Punta di penna, organizzato in collaborazione con l’Ateneo Veneto e con Studio Systema, con il patrocinio del Comune di Venezia, ha avuto tra gli ospiti numerosi protagonisti del mondo del giornalismo e della cultura: tra gli altri, Eugenio Scalfari, Daniel Pennac, Gian Antonio Stella, Riccardo Iacona, Giuliana Sgrena, Giulio Anselmi, Antonio Caprarica, Gino Strada, Tiziano Scarpa.