IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Corso per praticanti al via il 1° settembre

Mercoledì 1 settembre, alle ore 10, nella sede dell’Ordine dei giornalisti del Veneto, in campo San Polo 2162, a Venezia, sarà inaugurato il X° Corso di formazione professionale per i giornalisti-praticanti della Regione, organizzato dalla Scuola di giornalismo “Dino Buzzati”.

Il ciclo di studi, che consentirà agli allievi di poter accedere agli esami nazionali di abilitazione professionale, è articolato in 64 ore di lezioni di teoria e tecnica giornalistica, comprendenti i laboratori di scrittura che gli allievi svolgeranno in aula e direttamente sul territorio. L’intero piano didattico, improntato sulle materie previste dal regolamento ministeriale, sarà attuato sotto la guida di 24 docenti.
Dopo il saluto del presidente dell’Ordine del Veneto, Gianluca Amadori, interverranno il presidente della Fondazione di Venezia, professor Giuliano Segre, ed il dottor Michele Vianello, direttore generale del Vega, il Parco tecnologico e scientifico di Venezia, patrocinatori delle iniziative della Scuola.

L’avvio delle attività didattiche sarà caratterizzato da una prolusione di Valerio Pellizzari, inviato speciale de “Il Messaggero” e de "La Stampa", considerato uno dei più importanti reporter di guerra del mondo, vincitore del premio “Max David” per il giornalismo. Profondo conoscitore della realtà del Medio ed Estremo Oriente, di cui segue da trent’anni conflitti e vicende politiche, Pellizzari spiegherà agli allievi ed ai colleghi che vorranno intervenire, come deve comportarsi il giornalista nelle situazioni anche più critiche; qual è lo spirito che deve sorreggerlo; l’etica che deve sempre caratterizzare la sua attività, sia in zona di guerra, sia sotto l’ombra rassicurante del suo campanile.
Contestualmente a questa prima lezione, per la sua importanza aperta a tutti, inizierà poi l’attività didattica specifica per i praticanti-giornalisti, iscritti alla sessione d’esami del prossimo 19 ottobre. Per i praticanti giornalisti la presenza sarà obbligatoria.