IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Aggressione di un cronista a Treviso

Ferma condanna dell'Assemblea regionale del Sindacato giornalisti Veneto, della Fnsi e dell'Ordine dei giornalisti del Veneto. L'Assemblea regionale del Sindacato giornalisti Veneto, riunita oggi a Mestre per il rinnovo del Segretario e del Direttivo, si associa al Cdr dei quotidiani Finegil nell'esprimere solidarietà al collega della Tribuna di Treviso, Adriano Agostini
Il collega è stato aggredito, durante il suo lavoro di cronista, dal Sindaco di Villorba, Marco Serena. Il collega stava riprendendo un'operazione di polizia dei vigili urbani quando il Sindaco, arrivato in bicicletta, è sceso e l'ha puntato immediatamente mirando al cellulare, prendendolo per un braccio e ripetendo più volte la parola “sciacalli”. Il tutto documentato dalle immagini presenti sul sito della Tribuna di Treviso.
Simili episodi purtroppo si ripetono sempre più spesso. E va ribadito che quello del giornalista è un lavoro ma soprattutto un diritto-dovere: quello di informare e documentare.
Solidarietà al collega aggredito anche dal Segretario generale e dal Presidente dell'Fnsi Raffaele Lorusso e Beppe Giulietti, che hanno partecipato ai lavori dell'Assemblea.
“L'aggressione al collega è un atto di inaudita gravità – hanno sottolineato – soprattutto perché è stato compiuto da un rappresentante delle istituzioni. E' auspicabile che le autorità competenti, a cominciare dal Prefetto, intervengano per garantire il corretto esercizio del diritto di cronaca nell'interesse esclusivo dei cittadini a essere correttamente informati”.
Ferma condanna di quanto accaduto anche da parte dell'Assostampa trevigiana, dalla Sezione Veneto dell'associazione Articolo 21 e anche dall'Ordine dei giornalisti veneto.
“L'episodio di Treviso è preoccupante – dichiara il presidente dell'Ordine, Gianluca Amadori - in quanto è sintomo di una crescente intolleranza nei confronti del lavoro giornalistico, in una fase in cui c'è sempre meno spazio per un'informazione libera e indipendente. Il diritto dei cittadini ad essere correttamente informati va difeso con forza”.