IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Finegil: forte preoccupazione del Sindacato giornalisti Veneto per la cessione della Città di Salerno e del Centro di Pescara

GELE_intestata
La Giunta del Sindacato regionale giornalisti del Veneto, riunitasi oggi a Venezia, esprime fortissima preoccupazione per quanto sta avvenendo nel Gruppo Espresso, dopo l'apertura dei tavoli di trattativa per la cessione di cinque quotidiani Finegil, La Città di Salerno, il Centro di Pescara, La Nuova Sardegna di Sassari, l'Alto Adige di Bolzano e il Trentino di Trento

In particolare, le vicende collegate alla cessione della Città, con l'aggressione fisica da parte di uno dei futuri acquirenti nei confronti di due giornalisti di “Metropolis” e minacce a cronisti della stessa La Città, oggetto della denuncia della Federazione nazionale della Stampa e di unanimi prese di posizione del Sindacato giornalisti della Campania e dell'Ordine dei giornalisti, delineano uno scenario inquietante. L'invito ai vertici del Gruppo Espresso di rivedere le modalità della vendita della testata salernitana si aggiunge alla richiesta già formulata in tal senso dal Coordinamento dei Cdr dei quotidiani Finegil, compresi quelli de il Mattino di Padova, la Nuova Venezia-Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi.

Solidarietà va espressa anche ai colleghi del Centro, che si sono visti ridurre da 30 a 27 i giornalisti con contratto a tempo indeterminato in organico al momento di definire la vendita del quotidiano ai nuovi proprietari. L'organico effettivo conta su tre giornalisti in più con contratto a tempo determinato, il cui rapporto invece verrà fatto decadere a fine 2016. Chi subentrerà al Gruppo, sin dal primo confronto, parla di 27 giornalisti, non di 30. Dunque, si confondono le carte in tavola.

I giornalisti Finegil sono giustamente impegnati nella salvaguardia dei loro posti di lavoro, messi pesantemente in discussione nell'ambito della fusione tra il Gruppo Espresso e il Gruppo Itedi, che

edita La Stampa e il Secolo XIX, prevista entro marzo 2017, a maggior ragione dopo che l'a.d. Monica Mondardini ha comunicato al Cdr di Repubblica che i giornali locali, insieme alle radio, sono gli unici a guadagnare. Che siano loro a pagare gli effetti della fusione tra i due Gruppi editoriali appare quantomeno singolare e criticabile sotto il profilo della logica imprenditoriale.