IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Fnsi e associazioni regionali esprimono solidarietà ai giornalisti di E Polis

Il Sindacato dei giornalisti manifesta piena solidarietà ai giornalisti del gruppo E Polis che hanno proclamato tre giorni di sciopero per difendere le testate del gruppo dai tentativi della proprietà di ridurre ulteriormente l'organico redazionale già sottodimensionato, mettendo a rischio l'esistenza stessa dei giornali.
Le associazioni di stampa di Campania, Emilia Romagna, Friuli, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto, critiche da sempre sul modello editoriale, preoccupate per la sorte delle testate del gruppo e dei posti di lavoro, sostengono la battaglia dei colleghi che chiedono alla proprietà il rispetto degli impegni nella chiarezza e nella massima trasparenza. Le dimissioni dell'Amministratore delegato e la mancata nomina di un nuovo amministratore rendono ancor più complicato il rapporto con una proprietà indefinita e sfuggente. Il capitale umano e professionale della redazione rappresenta l'unico reale patrimonio aziendale. Un taglio ulteriore degli organici rappresenterebbe quindi un pericolo grave e reale per il futuro dell'iniziativa editoriale. Il Sindacato dei giornalisti chiede pertanto un incontro urgente con la proprietà per la ripresa di un corretto rapporto sindacale