IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

In Municipio un atto contro la libertà di pensiero, di stampa e di espressione

Associazione stampa padovana e Sindacato giornalisti Veneto ritengono di particolare gravità quanto avvenuto oggi, 13 ottobre 2017, nella sala Paladin del Municipio di Padova. Nel corso di una conferenza-stampa del Sindaco Sergio Giordani e del vicesindaco Arturo Lorenzoni, convocata peraltro solo tre ore prima, un gruppo di consiglieri e di militanti dell'opposizione, guidati dall'ex sindaco Massimo Bitonci, ha fatto irruzione nella stessa sala, contestando i relatori (con cori, slogan, uso di trombette e fischietti), impedendo nei fatti la prosecuzione della conferenza-stampa, alla presenza di numerosi giornalisti della carta stampata e delle tv locali.
L'incontro è potuto riprendere solo quando il gruppo (una ventina di persone) si è allontanato. Assostampa padovana e Sgv denunciano che questo episodio di intolleranza contro la libertà di pensiero, di stampa e di espressione (art. 21 Costituzione) è ancora più grave perché avvenuto in una sede istituzionale, interrompendo un pubblico servizio doveroso nei confronti dei cittadini (art. 3 Cost.) e dei mezzi di comunicazione e si dichiarano preoccupati per tali comportamenti, tanto più se posti in essere da rappresentanti delle istituzioni. Il disagio e l'imbarazzo in cui si sono trovati i cronisti non è nuovo, purtroppo. I giornalisti padovani chiedono di poter continuare a fare il proprio lavoro al meglio, senza trovarsi in condizioni in cui il rischio di essere utilizzati e strumentalizzati per fini politici contrapposti è evidente