IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Sindacato e Fnsi: "No alle intimidazioni dei giornalisti al Gazzettino"

“La dichiarazione di solidarietà della redazione di Mestre del Gazzettino ai fotografi della Unionpress che rischiano di perdere il lavoro non può essere utilizzata dall’azienda per intimidire tutti i dipendenti del quotidiano. La Fnsi e il Sindacato giornalisti del Veneto ritengono inaccettabile la contestazione di addebito a una collega per il solo motivo di essere stata portavoce di quanto deciso dai giornalisti della redazione.

La direzione del personale definisce "anonima" una lettera sottoscritta da tutti i giornalisti presenti quel giorno in redazione, accusa i firmatari di slealtà aziendale e di generare un clima di sfiducia.

Il Sindacato ritiene che tali affermazioni siano pretestuose e strumentali, dirette ad impedire o limitare la libera espressione dei giornalisti e conferma che assumerà ogni iniziativa utile per tutelare tale libertà assumendo tutte le iniziative necessarie per difendere i diritti dei giornalisti.

La Fnsi, il Sindacato giornalisti del Veneto e il Comitato di Redazione del Gazzettino hanno saputo affrontare responsabilmente la crisi del giornale senza attuare iniziative di lotta nel confronto-scontro durato sei mesi che ha portato all’intesa per il risanamento dell’azienda.

Il Sindacato resta sempre aperto al confronto ma questo non può venire interpretato come un via libera alle intimidazioni ai colleghi perché in tal caso non mancherà una risposta decisa”.