IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Telechiara. Ferma la trattaviva con TvA. Dipendenti in stato di agitazione

telechiara
I lavoratori di Telechiara prendono atto con profondo disappunto e amarezza del continuo protrarsi delle trattative – date invece per definitive a fine ottobre 2012 dalla stessa CET – tra l’emittente televisiva Telechiara e TvA Vicenza, che avrebbe dovuto acquisire il pacchetto di maggioranza della tv dei vescovi. L’ ”incisiva e immediata azione di risanamento e rilancio” della televisione, assicurata in un comunicato stampa della CET alla fine di ottobre 2012, si è invece rivelata, in sede di trattativa, un mero taglio di personale senza alcun dignitoso risarcimento professionale ed economico.
Bocciate le richieste e le proposte dei dipendenti.
Nonostante la disponibilità da parte di questi ultimi a rivedere le proprie posizioni, la trattativa non ha prodotto per ora i risultati sperati.
L’azienda ha ventilato per tutti i 19 dipendenti la perdita del posto di lavoro in seguito alla liquidazione della società.
Nonostante le ripetute rassicurazioni da parte dei Vescovi a ricollocare il personale in esubero, nessuna proposta è stata avanzata in questi 7 mesi.
La situazione di stallo che si è venuta a creare da maggio 2012 ha subito una improvvisa accelerazione a partire da ieri con la richiesta da parte dell’azienda di trovare un accordo.
Dobbiamo rilevare, per l’ennesima volta in questo logorante periodo di incertezza, l’incoerenza tra quanto predicato dai vescovi del Triveneto in materia di tutela del lavoro e della dignità dei lavoratori e quanto invece concretamente fatto (anzi, non fatto) per coloro che negli ultimi 20 anni hanno dato voce ai loro messaggi attraverso Telechiara.
I lavoratori hanno dichiarato lo stato di agitazione e domani mattina saranno al Cavallino per manifestare le proprie preoccupazioni alla Conferenza Episcopale Triveneta.
I dipendenti garantiranno comunque le produzioni televisive già previste in palinsesto.

I lavoratori di Telechiara