IN EVIDENZA

Premio Penna d’Oca 2016 a Cristina Salvato, menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” per Luca Ingegneri ed Elena Livieri. Tributo a Giancarlo Murer

Schermata 2018-05-25 alle 12.25.44

PADOVA, 13 aprile 2017 – Cristina Salvato, 46 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è la vincitrice del premio Penna d’oca 2016 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. La giornalista è stata premiata nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Due menzioni speciali “Giornalismo d’inchiesta” sono state assegnate ai giornalisti Luca Ingegneri (Il Gazzettino) ed Elena Livieri (il Mattino)

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Verso gli Stati generali dell'informazione precaria. Assemblea a Padova

Solo uniti e organizzati i lavoratori dell'informazione possono fronteggiare la crisi e contrastare la precarietà: vie d'uscita individuali ed estemporanee non ne esistono. Per questo motivo il Sindacato giornalisti del Veneto ha organizzato l'assemblea generale dei giornalisti atipici, freelance e precari del Veneto che si terrà nella sala “Caduti di Nassirya” a Padova, sotto la torre dell'orologio di piazza Capitaniato, dalle 21 di venerdì 7 giugno p.v..
L'iniziativa, proposta dal Sindacato a tutte le colleghe e i colleghi della nostra regione, è in preparazione degli Stati generali dell'informazione precaria programmati, su proposta della Commissione e dell'Assemblea nazionale lavoro autonomo della Fnsi, per l'11 e 12 luglio a Roma.
L'obiettivo è costruire un raccordo sempre più forte ed efficace tra i colleghi impegnati a tutti i livelli (Sindacato, Ordine, Inpgi, Coordinamenti territoriali, Cdr) per mettere fine, attraverso percorsi contrattuali di stabilizzazione, allo sfruttamento della maggioranza dei giornalisti autonomi, parasubordinati, precari.
L'informazione è un bene comune e come categoria abbiamo il dovere di indicare una prospettiva diversa, lungimirante e rispettosa.
Tanti i temi che affronteremo, dal mercato del lavoro giornalistico, al precariato, alle prospettive dell'editoria. Dalla riforma della professione, all'equo compenso, alla carta di Firenze fino al nuovo welfare per lavoratori autonomi e parasubordinati.
I temi sono importanti, il momento è difficile. Ti aspettiamo.