IN EVIDENZA

Penna d’oca 2015 a Cristiano Cadoni (il Mattino). Menzione speciale a Giacon (il Gazzettino). A Roberta Polese il riconoscimento di Stampa Veneta Insiemeo

Mauro Giacon, Roberta Polese, Cristiano Cadoni

Cristiano Cadoni, 45 anni, cronista del “Mattino di Padova”, è il vincitore del premio Penna d’oca 2015 promosso dall’Associazione Stampa Padovana con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. Il giornalista è stato premiato nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala Rossini del Pedrocchi a Padova. Una menzione speciale è stata assegnata al giornalista Mauro Giacon (Il Gazzettino). A Roberta Polese un riconoscimento di Stampa Veneta Insieme.

---------------------



Consiglio Direttivo
Assostampa Padova

Stefano Edel (presidente)
Plinio Romagna (vice presidente)
Lorella Miliani (tesoriere)
Cristina Marchesi (segretario)
Antonino Padovese (fiduciario)
Guido Barbato
Alessandro Mantovani

Contatti
assostampa@assostampa-padova.it

Salta il tavolo sindacale: Gazzettino in sciopero due giorni

Gazzettino_logo
La protesta arriva dopo l’annuncio da parte dell’azienda di non voler assumere, disattendendo gli accordi siglati anche in sede ministeriale nell’ambito dello stato di crisi biennale aperto il 15 gennaio 2015. A fine settembre i giornalisti usciti saranno una ventina. Il Cdr: «Caltagirone non rispetta gli impegni». La Fnsi: «Inaccettabile». Il Gazzettino non sarà in edicola il 10 e l'11 settembre. (continua)

I vertici della Fnsi dal Sottosegretario Paolo Bonaiuti: “Necessità di interventi urgenti e una vera riforma”

Resoconto dell’incontro a Palazzo Chigi il 5 agosto 2010 tra i vertici della Fnsi e il Sottosegratario all’editoria Paolo Bonaiuti. Sottolineata la necessità che l’occupazione diventi il primo parametro per il calcolo dei contributi pubblici erogati all’editoria. Richiesti interventi per riparare guasti dei tanti tagli disseminati nel corso dell’anno sia sui contributi diretti, sia su quelli indiretti, come le tariffe postali. Ribadita l’indispensabilità della riforma della legge professionale. Le parti si rivedranno a settembre per cominciare a entrare nel merito dei singoli punti (continua)

"Un decreto anticostituzionale che depotenzia la lotta alla criminalità"

Trenta direttori di altrettante testate giornalistiche, riuniti ieri a Roma nella sede della Federazione Nazionale della Stampa, hanno detto no al bavaglio alla stampa contenuto nel testo del testo del disegno di legge Alfano sulle intercettazioni. Ma la Commissione Giustizia del Senato ha tirato diritto e alle 3 di lunedì notte ha sfornato un testo che viola l’articolo 21 della Costituzione e depotenzia l’attività delle Forze dell’ordine nella lotta contro la criminalità organizzata e la corruzione. E lunedì 31 maggio si va in aula per la discussione con tempi contingentati. (continua)

Fnsi e associazioni regionali esprimono solidarietà ai giornalisti di E Polis

Il Sindacato dei giornalisti manifesta piena solidarietà ai giornalisti del gruppo E Polis che hanno proclamato tre giorni di sciopero per difendere le testate del gruppo dai tentativi della proprietà di ridurre ulteriormente l'organico redazionale già sottodimensionato, mettendo a rischio l'esistenza stessa dei giornali. (continua)

Clima di pesanti intimidazioni al Gazzettino

La Fnsi, il Sindacato giornalisti del Veneto, il Comitato di redazione de "Il Gazzettino" contestano la sanzione disciplinare inflitta da Il Gazzettino Spa alla collega e vicesegretaria regionale, Monica Andolfatto, per comportamenti perfettamente legittimi, tanto più che la sanzione è stata inflitta senza che le sia stato consentito un confronto con l’azienda nel merito delle questioni. (continua)

Fnsi e Usigrai:"Brunetta ritratti. Nessuno si farà intimidire"

Fnsi, Usigrai e Sindacato veneto. "Al ministro-candidato a sindaco Brunetta, che in periodo di par condicio fruisce di spazi legati alla funzione, diciamo che i giornalisti non si faranno intimidire”. (continua)

Fnsi: "Restringere l'accesso alla professione"

Il Consiglio Nazionale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana,riunito a Roma, il 4 febbraio 2010, esprime grave preoccupazione per i dati occupazionali del settore dell’editoria. La crisi che sta attraversando il settore, coinvolgendo tutto il panorama delle aziende editoriali, solo nell’ultimo anno ha portato a un ricorso massiccio alla cassaintegrazione e a circa 700 prepensionamenti. (continua)

Sindacato e Fnsi: "No alle intimidazioni dei giornalisti al Gazzettino"

“La dichiarazione di solidarietà della redazione di Mestre del Gazzettino ai fotografi della Unionpress che rischiano di perdere il lavoro non può essere utilizzata dall’azienda per intimidire tutti i dipendenti del quotidiano. La Fnsi e il Sindacato giornalisti del Veneto ritengono inaccettabile la contestazione di addebito a una collega per il solo motivo di essere stata portavoce di quanto deciso dai giornalisti della redazione. (continua)